Logo Kara Bobowski
VOLONTARIATO SENIOR

Europa non significa solo giovani e la solidarietà si può e si dovrebbe esprimere a qualsiasi età. Per concretizzare quest'idea, nel 2009 la Kara Bobowski ha intrapreso una nuova avventura, coordinando 50-Plus, un progetto pilota rivolto a Volontari Senior, ovvero over 50.

Grazie ad un cofinanziamento dei Centri Servizio per il Volontariato di Ferrara, Forlì-Cesena e Ravenna e alla collaborazione della Regione Emilia Romagna, dell´Unione Montana dei Comuni dell´Acquacheta e della Comunità tedesca gemella di Hofbieber, 9 adulti over 50 (7 tedeschi e 2 italiani) hanno vissuto esperienze di volontariato all´estero della durata di 2/3 settimane.

Il pioniere del progetto è stato il modiglianese Umberto Carloni, partito per Hofbieber il 20 marzo 2009 e tornato il 9 aprile. Ex operaio metalmeccanico poi coltivatore diretto, da circa due anni è volontario dell´associazione Auser, per la quale svolge servizio di trasporto per persone che debbano effettuare visite o terapie ospedaliere a Faenza o Forlì. Inoltre da un paio di stagioni, allena i bambini dei "primi calci" a Modigliana, mettendo a disposizione dei più piccoli un´esperienza più che trentennale. Umberto non aveva mai pensato ad un´esperienza di volontariato all´estero e nemmeno aveva mai preso un aereo in vita sua. Quando gli è stato proposto di partecipare, nell´ambito del progetto di volontariato senior, alla visita esplorativa in Germania (a febbraio di quest´anno) ha accettato con entusiasmo. Da quel momento l´entusiasmo è aumentato e il desiderio di vivere l´esperienza di volontariato si è concretizzata. A Hofbieber, Umberto ha dato il proprio contributo alle associazioni locali nelle vesti di cuoco e di fac totum. I motivi della sua scelta? Il desiderio di incontrare persone nuove, la volontà di soggiornare in un altro Paese senza sentirsi turista e la voglia di un cambiamento.

La seconda italiana in Germania è stata Gilberta Guidi, volontaria della Protezione Civile di Dovadola, di professione ostetrica. L´occasione di avvicinarsi a questa esperienza è stata per lei la festa del gemellaggio tra la Comunità Montana Acquacheta e la Comunità di Hofbieber che si è celebrata in Germania ad aprile 2009. Gilberta era nel pullman della delegazione dell´Acquacheta, insieme ad una cinquantina di persone. A seguito dei contatti avuti durante la festa e grazie alle conversazioni con Umberto Carloni una volta rientrato dalla propria "avventura", anche Gilberta (detta Gibi) è partita il 16 maggio per la Germania, dove è rimasta fino al 3 giugno aiutando nelle attività di una scuola materna e facendo assistenza in una sala parto. Le sue motivazioni sono state la volontà di condividere la sua esperienza professionale e il desiderio di dare un contributo concreto al gemellaggio tra le due Comunità.

Per entrambi i volontari italiani, l´accoglienza è stata calda: oltre a conoscere nuovi amici, hanno avuto la possibilità di visitare luoghi interessanti dal punto di vista storico e culturale. E la lingua? Sicuramente ci sono state difficoltà di comunicazione, visto che nessuno dei due conosceva il tedesco, ma la pazienza, la gestualità, la mimica e qualche parola di inglese o francese (e qualche parola di italiano dei gemelli tedeschi) sono stati strumenti sufficienti ad assicurare il successo anche nei rapporti interpersonali.

I senior tedeschi che hanno collaborato alle attività delle associazioni di Modigliana e Tredozio (Pro Loco, Auser, Protezione Civile, GAD, Misericordia) sono stati:
  • Birgit e Werner Sondergeld (4-15 aprile 2009)
  • Christa Chrostek (19 aprile-2 maggio 2009)
  • Susanne Bockelmann (20 aprile-10 maggio 2009)
  • Gertrud e Gerd Wagner (11-26 maggio 2009)
  • Christa Mollenhauer (24 maggio-11 giugno 2009)




Questo progetto ha avuto un impatto decisamente positivo sia sui singoli volontari partecipanti che si sono messi alla prova, sia sulle associazioni ospitanti che si sono aperte ad una dimensione internazionale, sia sulle organizzazioni coordinatrici che hanno intrapreso nuove e stimolanti esperienze. Nel nostro piccolo ci siamo avviati verso un percorso che anche la Commissione Europea sta intraprendendo, consapevole della ricchezza che il volontariato in generale rappresenta e delle grandi potenzialità della generazione adulta: dal 2009, all´interno del Programma "Lifelong Learning", è stata riservata una linea di finanziamento appositamente dedicata ad esperienze di volontariato senior.

Per il 2010 la Kara Bobowski sta preparando un nuovo progetto di volontariato senior incentrato sul tema delle persone disabili, che vedrà coinvolte Italia e Francia.

Iscrizione Newsletter











Membro di